Moderatore: Michele Lupi

 
Avatar utente
yanez
Member
Messaggi: 27
Iscritto il: 21/11/2016, 9:41
Thanks dati: 2
Thanks ricevuti: 2

4° grado: meglio evitare?

19/02/2017, 19:09

Se su un accordo magari di più misure, vado a improvvisare con la relativa scala, è meglio evitare il quarto grado? (suona male?)  Oppure è una nota accettabile?
Grazie ciao


 
stefano bartoli
VIP
Messaggi: 535
Iscritto il: 16/07/2016, 21:13
Thanks ricevuti: 135

Re: 4° grado: meglio evitare?

19/02/2017, 20:37

Ogni nota ha, rispetto ai vari tipi di accordi, posizioni accettabili e non. I fattori sono moltissimi, strumento, timbro, ottava, posizioni dei voicing, posizioni dell'accordo e strumento che lo suona (chitarra o piano).

Impossibile quindi una risposta univoca, studiare la teoria e poi sperimentare nei veri contesti (vedi sopra).

In fine, l'orecchio se ben costruito ha sempre ragione, vedi 17 west di Dolphy che se presa sulla carta è una specie di inferno insolubile, in realtà ha nascosta la sua "soluzione" che la rende fattibile....


Ciao


 
stefano bartoli
VIP
Messaggi: 535
Iscritto il: 16/07/2016, 21:13
Thanks ricevuti: 135

Re: 4° grado: meglio evitare?

19/02/2017, 23:42

Cmq per darti almeno una piccola soddisfazione alla domanda (che richiederebbe appunto risposte articolate)  ti dico che ad esempio, in un accordo di settima dominante, la quarta (messa nella stessa ottava, altrimenti si parla di 11ma e la cosa cambia...) suona male, trovandosi in mezzo alla terza maggiore e alla quinta giusta (Su un C7, il F si trova ad una seconda minore da E e ad una seconda maggiore dalla quinta giusta G, col G sarebbe un cluster ma col E proprio non ci siamo!
Invece su un Cm7 il F suona bene perchè il E è adesso Eb e quindi il F sta ad una seconda maggiore sia da Eb che da G.



Ciao


 
Avatar utente
pasquale
Member
Messaggi: 23
Iscritto il: 14/10/2016, 5:24
Thanks dati: 3
Thanks ricevuti: 6

Re: 4° grado: meglio evitare?

20/02/2017, 16:00

Parlando di armonia costruita sulla scala maggiore il 4° grado è, per così dire, una "nota vietata" sugli accordi Maj7 e sugli accordi di 7 di dominante. In quest'ultimo caso il 4° grado spesso viene indicato come 11°. Ma sono in sostanza la stessa nota. Si potrebbe usare invece come "nota di passaggio".
Esempi:
se ti trovi su un Cmaj7, potresti pensare alla scala C - D - E - F# - G - A - B (modo lidio di C).
se ti trovi su un G7 potresti pensare alla scala G - A - B - C# - D - E - F (G misolidio con il 4° aumentato - diversa da qualsiasi scala maggiore o modo derivato)
Fonte: Mark Levine - The Jazz Piano Book.

Resta inteso che i casi sono tanti e non esiste una regola universale, come ti hanno già scritto. Ho soltanto cercato di rispondere in maniera sintetica alla domanda che avevi posto.


 
Navarro
Member
Messaggi: 80
Iscritto il: 26/11/2016, 18:48
Thanks dati: 3
Thanks ricevuti: 13

Re: 4° grado: meglio evitare?

23/03/2017, 21:10

Dal link seguente si possono scaricare gli appunti di un insegnante statunitense di teoria jazz, più altri suoi suggerimenti in materia di armonizzazione ed improvvisazione, che rispondono anche alla domanda di yanez.

P.S. Stefano e Pasquale mi sembra ci abbiano già illuminato.

http://anonemusic.com/jazzTheory

C'è anche una presentazione in Power Point di un seminario sulla lettura a prima vista.


Bach 37 reverse + Giardinelli 7S
Yamaha YFH 631 + Giardinelli 7FL
 
stefano bartoli
VIP
Messaggi: 535
Iscritto il: 16/07/2016, 21:13
Thanks ricevuti: 135

Re: 4° grado: meglio evitare?

23/03/2017, 22:26

Il bello dell'armonia è che a prima vista pare una scienza esatta ma non lo è. La si studia nelle sue regole e poi il bello viene quando inizi a sperimentare come andare "fuori" dalle regole, li se uno c'è portato possono nascere dei veri capolavori ed il jazz ne è pieno.


Ciao


 
Avatar utente
Sergio
Member
Messaggi: 34
Iscritto il: 28/02/2018, 15:39
Thanks dati: 1
Thanks ricevuti: 1

Re: 4° grado: meglio evitare?

12/04/2018, 23:11

Il 4° grado come altre le altre avoid note hanno delle regole precise, nel jazz andrebbero rispettate, ma come tutte le regole hanno le eccezioni che sono dettate dal contesto, la durata, il ritmo la progressione armonica, l'altezza ed anche la stessa dinamica, ma l'importante è non comunque non soffermarsi su quella nota,  a meno chè non si abbia una struttura armonica dove la "dissonanza" diventa il colore del sound. 
Buona Musica
Ciao

  


---> La musica è il nutrimento dell'anima .<------
Flicorno Courtois AC-154-R ; Cornetta Stradivarius Bach e Conn 80A Bb/Ab, tromba getzen eterna
Bocchini Megatone bach 3CFL ; 7C ; 11 C
 

Età: 41
Alak
Member
Messaggi: 42
Iscritto il: 31/05/2018, 13:54
Thanks dati: 9
Thanks ricevuti: 1

Re: 4° grado: meglio evitare?

31/05/2018, 20:35

Dipende dall' accordo. Non va enfatizzato negli accordi Maj7. Cioè non deve cadere nei tempi forti. Se cade nei tempi forti la frase si fa proseguire e si fa risolvere in modo migliore.
Ma in alcuni casi può anche essere una scelta.


Stanno visualizzando il topic:

Nessun utente e 1 ospite