Moderatore: Michele Lupi

 
Mirco
New Member
Messaggi: 10
Iscritto il: 27/09/2018, 23:07

Fraseggio

30/01/2019, 14:54

Salve a tutti , ci sono delle "regole base" per costruire un fraseggio come quello che Bosso esegue in questo pezzo? https://youtu.be/qCKdVYiskOk .
Quale potrebbe essere essere il modo migliore per apprendere la relazione che serve fra la melodia "cantata" e il fraseggio ? Mi rendo conto della domanda ma volevo sapere se esiste un modo di esercitarsi che aiuti ad imparare . Grazie a tutti


 
Avatar utente
Età: 46
al_trumpet
Member
Messaggi: 81
Iscritto il: 16/11/2017, 23:55
Thanks dati: 14
Thanks ricevuti: 14

Re: Fraseggio

30/01/2019, 15:50

Ciao Mirco....
Solo una domanda (mia curiosità): da quanto tempo suoni la tromba?

Ciao 
Ermanno


Pagina Instagram: https://www.instagram.com/almada_trumpet/
Tromba: Almada_trumpet (prototipo) 1.0
Poket: Weril EP4072
Flicorni: Carolbrass CFL-9990-RSS-L - Casa Castanheira mod. Excelsior
 

Età: 42
Alak
Member
Messaggi: 99
Iscritto il: 31/05/2018, 13:54
Thanks dati: 14
Thanks ricevuti: 4

Re: Fraseggio

30/01/2019, 19:10

Mirco ha scritto:
Salve a tutti , ci sono delle "regole base" per costruire un fraseggio come quello che Bosso esegue in questo pezzo? https://youtu.be/qCKdVYiskOk .
Quale potrebbe essere essere il modo migliore per apprendere la relazione che serve fra la melodia "cantata" e il fraseggio ? Mi rendo conto della domanda ma volevo sapere se esiste un modo di esercitarsi che aiuti ad imparare . Grazie a tutti

Ciao. La domanda è intelligente, perchè di solito uno chiede "come si improvvisa?", invece già tu ti accorgi che nell' improvvisazione esistono le frasi. Il discorso è proprio quello: si studia l' armonia (scale, accordi, successioni tipiche, ecc.) e la si applica alle frasi; queste frasi fanno parte di una lingua: questo linguaggio (il jazz) lo si apprende e si applica e le regole sono come quelle grammaticali. All' interno del linguaggio poi c'è il discorso ritmico, quello espressivo, ecc. È un peccato che hai preso come esempio il fraseggio di Bosso, che per me non è il massimo ;)


 
Mirco
New Member
Messaggi: 10
Iscritto il: 27/09/2018, 23:07

Re: Fraseggio

31/01/2019, 9:24

Grazie mille


 
Avatar utente
yanez
Member
Messaggi: 34
Iscritto il: 21/11/2016, 9:41
Thanks dati: 2
Thanks ricevuti: 2

Re: Fraseggio

31/01/2019, 22:27

Ciao Mirco, provo a risponderti anche se non sono un grande esperto...
La melodia "cantata" è formata da note della scala relativa all'accordo che sta suonando la sezione ritmica (basso, tastiere, chitarra ritmica ecc). Per esempio se il giro armonico del brano è formato da 4 battute di RE, 2 di SOL ecc. dovrai improvvisare suonando 4 battute con le note della scala di RE, 2 con la scala di SOL ecc.      Perciò la prima "regola base" è sapere da che note è formato ogni accordo e scala.
Il fraseggio è dato dallo studio, dalla creatività, dalla tecnica e la sola relazione è metterci le note giuste.
Naturalmente stando a tempo ecc.
Ciao


 
Avatar utente
Età: 71
chet63
Starter
Messaggi: 140
Iscritto il: 02/08/2016, 14:18
Thanks dati: 36
Thanks ricevuti: 18

Re: Fraseggio

01/02/2019, 8:06

Bravo Yanez, hai dato una spiegazione perfetta, io non sono un jazzista, suono prevalentemente classica e sinfonica su testo orchestrale, non avrei potuto dare una spiegazione così logica, pur sapendo come fare. Bravo ancora.


Il bebop non ha senso,non si capisce il tema Armstrong
- Sib TAYLOR 15th An.Chic 46 II C.s,TAYLOR Chic VR,FIDES Sym BBG
- DO-KING Super 20,BESSON CLASS A
- CORN. Bb TAYLOR OR,CONN DIRECTOR,OLDS Amb.
- FLIC. CFL LEGENDARY
. MELLOFONO in Fa Bach Mercedes
 
Mirco
New Member
Messaggi: 10
Iscritto il: 27/09/2018, 23:07

Re: Fraseggio

01/02/2019, 10:00

Gentilissimo e chiaro . Grazie


 
Avatar utente
Sergio
Member
Messaggi: 48
Iscritto il: 28/02/2018, 15:39
Thanks dati: 2
Thanks ricevuti: 1

Re: Fraseggio

14/02/2019, 12:14

Ciao, io penso che l'elemento fondamentale nel jazz ... è l'espressività personale che si palesa nell' improvvisazione e su cui si sono costruite delle regole di buona tecnica. L'errore che solitamente fanno i "Classici" ( non me ne vogliano) è tendere alla perfezione , intonazione perfetta battuta precisa seguire le regole dettate dai grandi compositori. Nel jazz il discorso non è così scontato , le scale non sono così scontate, la precisione non è imperativa (vedi lo swing) ed il suono può non deve essere necessariamente "pulito". Ciò che detta tutto è l'espressività ciò che arriva a chi ascolta ma in particolare a chi suona. Come noto il jazz nasce dalla fusione di molte culture , una musica senza una regola (come si intende in armonia) ma improvvisata e su cui ci abbiamo costruito poi delle regole per creare degli standard. Sequenze di accordi , vedi Blues,   l' anatole , la "canzone" , il  movimento jazz II V I , ed altre metriche che rientrano nei canoni standard del jazz. Ma chi ha eseguito questi brani e da cui si sono derivati questi standard  poco ne sapeva di armonia, eseguiva la melodia e l'armonia secondo una forte interazione con ciò che lo circondava. 
Certo un buon solo non prescinde dalla buona anzi ottima conoscenza  dell'armonia che ti dice dove e quali sono le note "compatibili" sotto quell'accordo, ma ciò che a mio avviso è fondamentale è che devi avere il tuo "solo" già nella testa e lasciare che le note escano da sole,  questo vuol dire che devi accantonare le regole e ripetere con lo strumento le note che hai in mente. Un valido esercizio è cantare il tuo solo e poi cercare di riprodurlo con lo strumento, questa è la tecnica ma il contenuto è quello che hai dentro. Può piacere o no , ma nel jazz ciò che fai deve è ciò che senti in quel momento e ti deve liberare. Con questo non voglio dire che uno può fare quello che vuole, le fondamentali vanno rispettate , ma queste devono venirci spontanee quando suoniamo non possiamo pensare alla nota che facciamo , che tipo di scala dobbiamo utilizzare, dobbiamo solo suonare e stare attenti a cosa suonano gli altri. Non è una passeggiata ci vuole molto esercizio.        Una buona improvvisazione deve sottendere l'armonia, La melodia deve rendere riconoscibile l'accordo, se suonassi  G-A-E-D-C sarei in tonalità di C Maj  suonando una scala Ionica sopra un C6 ma se qualche biricchino  mi suona anche un Bb ... allora sarei in F maggiore  e dovrei passare ad una scala Lidia e mi aspetterei un'accordo di F Maj   o  G min oppure un cambio in C7  su cui ci suonerei una scontata pentatonica, tutte regole che devi conoscere, se la base è un anatole , devi sapere che la struttura è Vi II V I  per cui se mi suoni un A min  mi aspetto un D min e quindi avrei suonato una scala eolia  ed una dorica , altrimenti  avrei utilizzato solo una scala dorica  , proseguendo con una misolidia e con una lidia.  per farlo devi avere padronanza con le scale e devi conoscere lo standard. 
Una volta che hai ben in testa le scale , le note ti verranno più facili e potrai comporre un assolo rispondente a ciò che senti in quel momento. 
Scusate se mi son dilungato , questo è il mio pensiero sperando di aver dato qualche indicazione in più,  


---> La musica è il nutrimento dell'anima .<------
Flicorno Courtois AC-154-R ; Cornetta Stradivarius Bach e Conn 80A Bb/Ab, tromba getzen eterna
Bocchini Megatone bach 3CFL ; 7C ; 11 C
 
SoWhat
New Member
Messaggi: 8
Iscritto il: 22/01/2019, 13:18
Thanks dati: 1

Re: Fraseggio

14/02/2019, 15:21

Grazie dei contributi che stanno man mano emergendo nel presente thread "Fraseggio": trovo il tema e la domanda posta inizialmente molto interessanti e credo, se sarà possibile, meritano uno sviluppo ulteriore anche per creare una occasione di incontro in questo forum tra voi professionsti e chi come me che all'improvviso dopo un annetto di lavoro sente uscire dal proprio soffio qualche piccola "frase" compiuta o insieme di "sillabe", quasi come dopo qualche anno di esercizi ho cominciato con un po' di meraviglia a parlare in inglese e ad essere capito ...
Colgo l'occasione a questo punto dello scambio di pensieri sul "Fraseggio" per porre una domanda: sapete dell'esistenza e quindi sapete consigliare un "metodo", uno spartito, uno studio, un volume in particolare, ad esempio, della serie Aebersold che accompagni uno "studente" e "ricercatore" su un percorso di "call & response" ?
Io ho trovato fino ad ora poco materiale didattico ma quel poco molto stimolante ed interessante: la mia esperienze è stata che all'inizio l'impegno è per una ripetizione pedissequa di piccole frasi, poi la replica diventa man mano una "response" personale, magari con piccole o grandi modifiche rispetto alla "call" e cosi', via via, l'esercizio per me si è fatto nel tempo sempre più interessante: c'è da mettere in atto la ritmica, c'è da conoscere la scala nella quale si sta dialogando, c'è il cosa si vuole dire (affermare o rispondere), c'è l'ascolto (non si può dialogare senza ascoltare con attenzione chi ti parla... lezione che solo la musica può dare a tutti in ogni settore, specie nella nostra epoca).
D'altra parte anche il materiale discografico o le registrazioni dei duetti "call e response" mi sembrano piuttosto rari ma le cose che ho trovato (su youtube, ad esempio) mi sono in tutti i casi sembrate ricche di stimoli per i miei studi e le mie ricerche di "patterns".
Poi sono per me anche divertenti i "call & response" cosa non male quando si studia !
Grazie in anticipo, perdonatemi se il mio intervento dovesse per chi legge apparire fuori luogo o peggio ancora non chiaro.


---------------------------------
I enjoy playing:
- Yamaha YTR8310Z
- Eastman Instruments ET401
---------------------------------
 

Stanno visualizzando il topic:

Nessun utente e 1 ospite