Moderatore: Michele Lupi

 
stefano bartoli
Mod
Messaggi: 859
Iscritto il: 16/07/2016, 21:13
Thanks ricevuti: 210

Prezzo ricambi

15/01/2020, 10:00

https://www.votawtool.com/instrument-parts/universal-parts/trumpet-cornet/amado-waterkey-assembly-brass.html

In Italia, in vari negozi contattati mi hanno chiesto 60 euro CADAUNA, SPEDIZIONE ESCLUSA.
Sul sito di cui sopra, appena acquistate. 2 (Due) chiavi Amado raw brass, per un totale di 26 (Ventisei) euro spedizione inclusa dal Missouri.

Va bene il ricarico ma che cacchio....


 
Navarro
Starter
Messaggi: 144
Iscritto il: 26/11/2016, 18:48
Thanks dati: 4
Thanks ricevuti: 21

Re: Prezzo ricambi

15/01/2020, 17:52

Scusami, una curiosità: su questi prodotti (o su queste cifre) non si paga la dogana? Ricordo che parecchi anni fa comperai più volte dei bocchini dagli USA senza pagare alcunchè, oltre quanto dovuto al venditore; oggi mi dicono che i controlli sono più puntuali.


Bach 37 reverse + Giardinelli 7S
Yamaha YFH 631 + Giardinelli 7FL
 
Avatar utente
Età: 59
Michele Lupi
Site Admin
Messaggi: 539
Iscritto il: 08/07/2016, 15:30
Thanks dati: 126
Thanks ricevuti: 84

Re: Prezzo ricambi

15/01/2020, 18:01

In teoria si dovrebbe pagare la dogana.
Molto dipende da quanto dichiara il venditore. Su transazioni minime (pochi euro)
spesso la dogana chiude un occhio (salvo poi riaprirlo se le transazioni sono ripetute spesso e fatte
sempre dallo stesso acquirente). In teoria c'è una tassa fissa (anni fa era 5,00 euro adesso non so)
più L'IVA sul valore dichiarato dal venditore.
Michele


Trumpet - Brasson Scorpion
Mouthpiece -Bach 10 1/2 CW
 
Avatar utente
toro
Starter
Messaggi: 108
Iscritto il: 18/09/2018, 17:13
Thanks dati: 3
Thanks ricevuti: 11

Re: Prezzo ricambi

15/01/2020, 18:16

Comunque facendo due conti come dice Michele,Stefano spenderebbe comunque la meta'......quindi il "va bene il ricarico ma che cacchio",mi sembra perfetto


 
stefano bartoli
Mod
Messaggi: 859
Iscritto il: 16/07/2016, 21:13
Thanks ricevuti: 210

Re: Prezzo ricambi

16/01/2020, 1:47

Beh, in Italia 120 euro più 10 di trasporto= 130

In questo caso siamo a 26 euro, mettici anche Iva al 21% ed eventuali...siamo anni luce da 120 euro e francamente certi prezzi sono inaccettabili.
Faccio notare che Thomann che pure fa magazzino, vende le Amado a circa 20 euro più spedizione.

 In questo caso siamo oltretutto in presenza di una serie di minuterie (le parti della chiave in oggetto) prodotti da una banale CNC a tre assi, la camicia in ottone esce finita di macchina, il pistone interno in acciaio idem. Molla e Seeger in tutto sono pochi centesimi. Non c'è post lavoro manuale tipo rifiniture, saldature, piegature o altro.

Rifacendomi ai prezzi delle officine CNC, se ne fai qualche centinaio sei intorno ai 2- 3 euro in totale...

Di cosa stiamo parlando quindi? Ricarichi del 1000000000000000% sono vergognosi.


 
fabemolle

Re: Prezzo ricambi

16/01/2020, 9:13

Carissimo Stefano,
Stavo facendo due conti e avevo bisogno di qualche delucidazione da parte tua.
Ipotizzando che chi importa questi pezzi sia un riparatore e che questi abbia velleità di guadagnare da questa attività e non di averla aperta per permettere all’hobbista di passaggio di giocare a fare il riparatore professionista, quale deve essere il prezzo giusto perché tale artigiano si debba caricare sulle spalle il costo di un servizio di ricambista?
Ipotizzando che questi trabiccoli siano comprati da un importatore e non direttamente da questo negozio online, e che magari l’oggetto sia un originale dal costo quindi maggiore in partenza. Diciamo 12-15 euro?
Se tali beni vengono acquistati in piccoli numeri da un piccolo artigiano l’incidenza del costo di spedizione sale vertiginosamente.
Le tasse di importazione e l’IVA, calcolate sul totale inclusa la spedizione, non possono essere evitate perché il piccolo artigiano non si può permettere il lusso di frodare la dogana, o perlomeno non ha voglia di farlo per permettere ad un hobbista, che una volta nella vita passerà dal suo negozio, di giocare a sue spese.
Fra tutto è ragionevole ipotizzare che questi beni gli siano costati ben oltre 20 euro l’uno, moltiplicati per la moltitudine di accessori, chiavi, molle e aggeggi che un hobbista gradirebbe comprare al supermarket dei pezzi di ricambio nella bottega dietro casa.
Togliendo l’IVA, che porta il prezzo a meno di 50 euro, togliendo il costo, togliendo il fastidio di ordinare i pezzi per altri quando il suo lavoro è riparare e non vendere ricambi, risulta che il suo guadagno ante tasse è forse di 25 euro, ridotto ad una cifra ancor più miserrima dopo l’ascia di Equitalia.
A questo punto il riparatore di pone una domanda esistenziale: ma chi me lo fa fare? Non sono io il riparatore?
In realtà il riparatore vive della manodopera collegata all’installazione di queste diavolerie, ha fatto dei corsi che sono costati dei soldi e intende la sua attività come volta al sostentamento della propria famiglia.
Vista in questi termini ho l’impressione che i 60 euro siano più che altro un messaggio: “se volete questi prodotti fateli installare da noi, vi costa quanto i soli pezzi ma per lo meno avete un lavoro fatto da un esperto della materia”.

Se invece si desidera giocare al meccano a quattro soldi tocca mettere in conto che bisogna acquistare a destra e a manca singoli pezzi spendendo un’enormità per le spedizioni e attendendo tempi biblici.


 
Avatar utente
Età: 59
Michele Lupi
Site Admin
Messaggi: 539
Iscritto il: 08/07/2016, 15:30
Thanks dati: 126
Thanks ricevuti: 84

Re: Prezzo ricambi

16/01/2020, 9:51

Direi che ci sono ragioni un po in tutti i post.
Io sono produttore, importatore e distributore di prodotti cosmetici ( Hair nello specifico).
Ci sono costi altissimi per la gestione ( come dice fabemolle ) ma anche una decenza nel
ricaricare ( come scrivono Stefano o Toro ). Dipende secondo me da cosa offri.
Ho prodotti nel mio magazzino che ricarico anche del 5/600%, ma si parla di prodotti
esclusivi, biologici, alcuni unici in Italia, che niente hanno a che vedere con i prodotti da GDO (grande distribuzione organizzata).
Per questo offro anche assistenza tecnica, mi reco dal cliente, faccio dimostrazioni etc..etc.. ( con dispendio di tempo e prodotto ).
Francamente, su un oggetto comprato e rivenduto dal valore di pochi euro (credo che in produzione esca a non più
di 4/5 euro) un ricarico di oltre il 1000% sia eccessivo, ma probabilmente è voluto, proprio per consigliare
il cliente a non fare da solo ( e ci sta' ). Il forum, in quanto a servizio del trombettista è giusto che informi,
poi suggerisco di andare da un buon tecnico onde evitare danni allo strumento ( Stefano fa i lavori da solo, ma sono anni che lo fa
e l'esperienza non gli manca ).


Trumpet - Brasson Scorpion
Mouthpiece -Bach 10 1/2 CW
 
fabemolle

Re: Prezzo ricambi

16/01/2020, 10:12

Facendo due rapidi conti i pezzi costano più di venti euro al riparatore e li rivende a 50 euro, siamo intorno al 200% di ricarico, per un prodotto che non rappresenta il core business di un riparatore e che richiede un magazzino sterminato, considerando quanta minuteria esiste in questo ambito.
Non mi sembra irragionevole, soprattutto confrontato al 5/600% che l'amico Michele ci ha enunciato appena sopra.
Non mi sembra neanche irragionevole il 5/600% se l'obiettivo della vendita è il profitto. D'altro canto esiste il mercato libero e se scelgo di lavare la chioma con le banconote da 100 euro nessuno può darmi del pazzo.
E' semmai strano considerare un 200% irragionevole su un prodotto così di nicchia, a meno di avere un motivo recondito che giustifichi un'attenzione particolare nei confronti dei riparatori di strumenti musicali.
Io sono un appassionato di auto d'epoca e so molto bene quanto costi fare shampoo e parrucco alla mia amata 128 sport. Ci sono ambiti nei quali è difficile trovare i ricambi al giusto prezzo ma d'altro canto non ci è stato imposto di ritappezzare la bimba ogni 10 anni.
Provate ad immaginare quanto sia difficile trovare un posacenere di un'auto d'epoca. Sogno di trovarne uno su Amazon Prime con il 5000% di ricarico!
Se il mercato dice 60 euro è perché a meno, con ogni probabilità, "fattelo tu se sei bravo".


 
Avatar utente
Età: 59
Michele Lupi
Site Admin
Messaggi: 539
Iscritto il: 08/07/2016, 15:30
Thanks dati: 126
Thanks ricevuti: 84

Re: Prezzo ricambi

16/01/2020, 10:32

Se vogliamo fare i conti esatti non funziona proprio così.
Per iniziare il commerciante ( o tecnico ) non ne compra certo solo 1 ( minimo 15/20 pz. )
Una volta arrivati in Italia i costi di dogana e IVA devono essere detratti dall'IVA incassata
(IVA Imposta sul Valore Aggiunto), non sto qua a fare i conti precisi ( ma se me lo chiedete vi faccio
uno schema ) ma il ricarico che avevo ipotizzato del 1000% ( partendo dai costi che ci ha dato Stefano )
non è sbagliato.
Preciso che non sto dicendo che sia giusto o sbagliato ( in quanto commerciante penso che il nostro lavoro sia
tra i meno pagati e più vessati sulla terra, dal mio business plan risulta che riesco a farmi uno stipendio
di 1.200 Euro netti solo se fatturo più di 75.000 Euro l'anno figuratevi ) faccio solo due conti matematici. :)


Trumpet - Brasson Scorpion
Mouthpiece -Bach 10 1/2 CW
 
fabemolle

Re: Prezzo ricambi

16/01/2020, 11:11

Caro Michele, i conti esatti vanno fatti esattamente però, altrimenti risulta che un accessorio generico comprato dal Missouri sia la medesima cosa che un accessorio originale comprato da un rivenditore ufficiale: un sistema originale Amado è sicuramente prodotto da una ditta ufficiale che ha il disegno ufficiale che vende ad un prezzo maggiore a rivenditori i quali li distribuiscono alle piccole botteghe.
Considerando che il pezzo originale ha un costo di base più alto, perché è l'omologo di uno shampoo esclusivo e biologico, e non del Pantene, bisogna immaginare che questi pezzi costino proporzionalmente di più considerando i vari passaggi.
Il tecnico che compra questi pezzi con ogni probabilità dovrà fare i conti con la scarsa commerciabilità e farà leva sul suo vero intento commerciale, che è appunto l'installazione.
Non sono certo un esperto riparatore come l'amico Stefano, sono semmai un appassionato di Meccano, ma se io dovessi fare un lavoro del genere su un mio strumento farei qualche centinaio di euro di danni con estrema facilità.
Per i professionisti quali Stefano il problema non si pone perché può facilmente digerire il costo di accessori da pochi dollari spediti dal Missouri comprandone 15/20 pezzi e diluendo così i costi ancora di più.
Insomma, non si può pretendere di andare alla Fiat e chiedere un posacenere di una 128 Sport lamentando un costo spropositato opponendo come motivazione: "ma che vi costa darmene uno, tanto ne avete a milioni e li stampate in Cina".
Sono certo che lo stesso accessorio Amado, se venduto da un riparatore ad un altro, verrà ceduto a 10 o 15 euro. E comprendo bene che sia giusto che il mondo giri in questo modo.


Stanno visualizzando il topic:

Nessun utente e 0 ospiti