Paradossi Trombettistici

Discussioni generali sulla tromba

Moderatori: Michele Lupi, stefano bartoli, Capo_oro, Marco Muttinelli


Autore dell’argomento
siber
Member
Member
Messaggi: 41
Thanks dati: 3
Thanks ricevuti: 11

Paradossi Trombettistici

Messaggioda siber » 11/04/2021, 11:15

Ciao a tutti, in decenni di matrimonio con questo strumento, quante ne abbiamo sentite, per suonare più in alto, per "sfogare" lo strumento ecc ecc . Alcune purtroppo, in età preadolescenziale, anche messe in pratica.
Inizio io :
1) Per fare gli acuti, ti deve sanguinare il labbro
2) Un trombettista con la T maiuscola, deve avere il Callo con la forma del bocchino
3) Per "sfogare" gli ottoni, vanno lavati (senza risciacquarli !?!?!) con Latte....
4) Quelli bravi, suonano con lo strumento appeso al soffitto senza toccarlo


Trombe: Bach 72G, Getzen 300.
Flicorno: Bach 183S
Imboccature: Schilke 13A4a, 13C4.


NERO
Starter
Starter
Messaggi: 121
Thanks dati: 4
Thanks ricevuti: 14

Re: Paradossi Trombettistici

Messaggioda NERO » 11/04/2021, 11:54

Sei in vero drago quando suoni una tromba appesa dalla parte della campana però..
Anche questa non è male comunque
phpBB [video]
Ultima modifica di Marco Muttinelli il 11/04/2021, 13:21, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: inserito BBCode Youtube al video




stefano bartoli
Mod
Mod
Messaggi: 2431
Thanks ricevuti: 439

Re: Paradossi Trombettistici

Messaggioda stefano bartoli » 11/04/2021, 12:29

A parte principi base "banali" non mi pare si possa dire che esiste "IL" modo di suonare la tromba ma infiniti modi a seconda della persona. D'altra parte nel ns ambiente si possono ascoltare e/o vedere modi di suonare, tecniche, talvolta addirittura contrapposte ma entrambe con ottimi risultati.
Per questo non mi piace far lezione a principianti, è una responsabilità troppo grossa e spesso si rischia di rovinare un allievo. Mentre far lezione a gente già a posto, navigata mi mette tranquillo e mi consente di avere dall'altra parte, un allievo in grado di dibattere, contraddire etc. Lo preferisco.
Penso che dovrei insegnare solo cose intorno all'improvvisazione, la pronuncia, lo stile etc etc perchè ci godo anche nel farlo. Il lavoro però ti costringe spesso ad accettare anche il principiante che non studia e che ogni settimana si ripresenta a lezione senza aver neppure aperto il quaderno, questa è una cosa che mi disturba particolarmente fino a smettere di far lezione a certi tipi di persone.

Cmq in conclusione mi sento di dire che insegnare è molto più difficile che suonare e come per il suonare, non è cosa per tutti, se vuoi farlo ad un certo livello e con certi risultati.
Per me è così.



Avatar utente

Marco Muttinelli
Mod
Mod
Messaggi: 1195
Thanks dati: 271
Thanks ricevuti: 180

Re: Paradossi Trombettistici

Messaggioda Marco Muttinelli » 11/04/2021, 13:49

Grazie Siber tema particolarmente interessante con dei sicuri risvolti umoristici : Cool : purtroppo io aneddoti non ne ho ma seguo con interesse : Smile :


C.G. Conn Tp: 22B New York Symphony Special 1940; 6B Victor 1968
Mp: C.G. Conn Connstellation 7BN e Precision 4; Bach 5C Stefanopranizzato e 2C Megatone

Fl: Couesnon Monopole ?
Mp: Denis Wick 4FL

Past C.G. Conn Tp: 12B Coprion 1953; 10B Victor 1960; 8B Artist 1964; 38B Connstellation 1968


gbc
Starter
Starter
Messaggi: 247
Thanks ricevuti: 121

Re: Paradossi Trombettistici

Messaggioda gbc » 11/04/2021, 17:04

Ciao a tutti,

mi piace questo argomento. Ero ragazzino e trascorrevo le vacanze con la famiglia in montagna; per non perdere l'esercizio andavo a suonare nella banda del paese.
La sala prove della banda locale era in una stanza affacciata sulla piazza della chiesa dove esisteva una bellissima e vivace fontana con una portata d'acqua bestiale.

Il sabato sera il signor XXX, prima di iniziare le prove metteva la sua tromba, dalla parte della campana a mo' di imbuto, per un buon 20 minuti sotto il getto d'acqua; finito questo trattamento: un bel bicchiere di latte caldo preso al bar degli Alpini.
Alla mia richiesta del perché facesse questo trattamento, una risposta pronta: "Migliora il legato...tu col trombone, fai l'accompagnamento e non ne hai bisogno, ma io…"

Ciao. GBC



Avatar utente

yanez
Member
Member
Messaggi: 79
Thanks dati: 7
Thanks ricevuti: 8

Re: Paradossi Trombettistici

Messaggioda yanez » 11/04/2021, 20:05

Ho saputo che c'era chi voleva molare gli incisivi per una migliore emissione! : Eeek : : Eeek :



Avatar utente

Michele Lupi
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 975
Thanks dati: 216
Thanks ricevuti: 142

Re: Paradossi Trombettistici

Messaggioda Michele Lupi » 12/04/2021, 12:49

Personalmente mi è capitato di acquistare una Tromba, il cui vecchio proprietario
aveva messo in pratica i suggerimenti del lavaggio con il latte.....
L'ha venduta perchè non gli suonava più come una volta... : Lol : : Lol :
Non vi dico cosa è uscito quando l'ho lavata.
Ovviamente la tromba dopo il lavaggio suonava benissimo : Yahooo :


Trumpet - Brasson
Mouthpiece -Bach 3 CW


NERO
Starter
Starter
Messaggi: 121
Thanks dati: 4
Thanks ricevuti: 14

Re: Paradossi Trombettistici

Messaggioda NERO » 12/04/2021, 14:01

Solo perché ha sbagliato il tipo di latte. Doveva mungere il gatto.. cit. Ti presento i miei



Avatar utente

Marco Muttinelli
Mod
Mod
Messaggi: 1195
Thanks dati: 271
Thanks ricevuti: 180

Re: Paradossi Trombettistici

Messaggioda Marco Muttinelli » 12/04/2021, 14:06

NERO ha scritto:Solo perché ha sbagliato il tipo di latte. Doveva mungere il gatto.. cit. Ti presento i miei

: Lol : : Lol : : Lol :


C.G. Conn Tp: 22B New York Symphony Special 1940; 6B Victor 1968
Mp: C.G. Conn Connstellation 7BN e Precision 4; Bach 5C Stefanopranizzato e 2C Megatone

Fl: Couesnon Monopole ?
Mp: Denis Wick 4FL

Past C.G. Conn Tp: 12B Coprion 1953; 10B Victor 1960; 8B Artist 1964; 38B Connstellation 1968


stefano bartoli
Mod
Mod
Messaggi: 2431
Thanks ricevuti: 439

Re: Paradossi Trombettistici

Messaggioda stefano bartoli » 12/04/2021, 14:51

Va bene, allora diamo foho alle miccie!!!

Lascio la professione di batterista e mi dedico all'amore di sempre, Chet ed il primo Rava.
Mi reco quindi dal mitico Romano (Onerati) il quale oltre che fine artigiano ex costruttore, è sempre stato il classico bottegaio fiorentino, nell'accezione più nobile del termine. Quello che c'era da dire te lo diceva sul viso senza tanti complimenti...
Entro in negozio.
"Dimmi lalli icchè tu voi?"
"Mah, vorrei un flicorno...bono ma senza spendere troppo"
"Un c'è problema, se te tu sei all'inizio, ti do lo Yamaha d'entratura"
"Ok, bene"
Pago, esco iper super extra gasato. Il fatto è che penso "Ora vo a casa, soffio e suono subito come Chet. Ci son tre pippoli soli, un dev'esse difficile mi sa che pe fa tutte quell'altre note, basta pensalle e soffiare più forte per salire, e più piano per scendere"

Decido di consumare il primo ribaldo tentativo, lontano da occhi e orecchie poco avvezze. Mi reco quindi al parco delle Cascine e seduto in macchina principio a sballare l'oggetto.
La prima tromba, lo sapete, sia quel che sia, ti pare sbrilluccicare tutta.
Estraggo il sacro flicorno, ci piazzo il bocchino a corredo e principio a soffiare ma nulla. Avvio ad aumentare la portata di aria fino a stiattare ma il tubo non mi piglia nemmeno in considerazione. Giuro, non usciva assolutamente nulla se non un flusso d'aria.
D'intorno, nel frattempo, mazzi di travestiti e prostitute fanno il loro antico mestiere e quando qualcuno di questi/e butta un'occhiata al mio indirizzo, piatto lo strumento e fo il vago per la vergogna...
Imbufalito torno in via del prato, che dall'inizio del parco dista 500 metri. Entro in negozio, Romano mi guarda zitto.

"Senta lei, questo flicorno è rotto o se no è da stappare!!! O me lo cambia o mi ridà i soldi..."
Romano, omo già di una certa età ma soprattutto avvezzo alla frequentazione delle meglio prime trombe nazionali, non profferisce nemmeno una vocale, piglia un foglio e ci scrive sopra un nome ed un telefono.
"Chiama questo numero e fatti fare un po di lezioni, te tu sei messo dimolto ma dimolto male.
Non ti ripresentare con codesti discorsi a bischero ma se tu voi, ti rendo i soldi e tu ti vai a comprare un triangolo, sempre che li tu ci tiri fori qualcosa..."




Autore dell’argomento
siber
Member
Member
Messaggi: 41
Thanks dati: 3
Thanks ricevuti: 11

Re: Paradossi Trombettistici

Messaggioda siber » 12/04/2021, 18:42

In occasione di un servizio con la banda, durante una salita, cominciò a mancarmi il fiato perchè sentivo lo strumento molto duro da suonare, tra me e me dissi sconsolato.....i 50anni si fanno propio sentire,,,, comunque dopo varie imprecazioni in questa salita, che nel circuito del paese si riperteva, mi fermai per scrupolo a controllare lo strumento; in quel periodo di repentini cambi di bocchini, avevo la l'abitudine di mettere lo scotc sulla penna, per non rovinarli e venderli intonsi, staccatosi entrò nella leadpipe! Fortunatamente riuscii a recuperare un pezzo di fil di ferro e recuperare il tutto, subito dopo mi risentii giovanotto !
Buona serata.


Trombe: Bach 72G, Getzen 300.
Flicorno: Bach 183S
Imboccature: Schilke 13A4a, 13C4.


stefano bartoli
Mod
Mod
Messaggi: 2431
Thanks ricevuti: 439

Re: Paradossi Trombettistici

Messaggioda stefano bartoli » 12/04/2021, 18:54

Caro Siber, tu sei andato in tilt in salita, io anche in paino, e ci sta che anche in discesa sian dolori. Seduto o in piedi ma fermo, se no son dolori.
In bicicletta meno invece, ho anche un video sul mio canale You tube dove pedalo ma era solo per sfottere un politico.

PS: Ho sempre sospettato che i bersaglieri tirassero su di roba bona...




muggsy
Member
Member
Messaggi: 15
Thanks dati: 2
Thanks ricevuti: 2

Re: Paradossi Trombettistici

Messaggioda muggsy » 21/04/2021, 21:48

stefano bartoli ha scritto:A parte principi base "banali" non mi pare si possa dire che esiste "IL" modo di suonare la tromba ma infiniti modi a seconda della persona. D'altra parte nel ns ambiente si possono ascoltare e/o vedere modi di suonare, tecniche, talvolta addirittura contrapposte ma entrambe con ottimi risultati.
Per questo non mi piace far lezione a principianti, è una responsabilità troppo grossa e spesso si rischia di rovinare un allievo. Mentre far lezione a gente già a posto, navigata mi mette tranquillo e mi consente di avere dall'altra parte, un allievo in grado di dibattere, contraddire etc. Lo preferisco.
Penso che dovrei insegnare solo cose intorno all'improvvisazione, la pronuncia, lo stile etc etc perchè ci godo anche nel farlo. Il lavoro però ti costringe spesso ad accettare anche il principiante che non studia e che ogni settimana si ripresenta a lezione senza aver neppure aperto il quaderno, questa è una cosa che mi disturba particolarmente fino a smettere di far lezione a certi tipi di persone.

Cmq in conclusione mi sento di dire che insegnare è molto più difficile che suonare e come per il suonare, non è cosa per tutti, se vuoi farlo ad un certo livello e con certi risultati.
Per me è così.


Penso che cio che hai detto riguardo l insegnamento sia una cosa piu che veritiera.........insegnare è molto ma molto difficile e non tutti sanno farlo.........lo dico perche ne corso della mia vita ho visto risultati con persone che ho frequentato magari per un paio d anni mentre in eta giovanile che so facevo lezione due volte al mese per quattro anni e non apprendevo niente o quasi.............magari perche avevo altri grilli pe i capo non voglio dar colpe a chi non ne ha...........


trombe benge anniversay-schilke B7-holton 48-old 10M (MENDEZ)
mounthpiece scilke 13b- Frate 3 sh-106 Flicorno Holton F 555



Torna a “LA TROMBA”

Chi c’è in linea

Nessun utente e 10 ospiti