Harrelson sul mercato del far east

Discussioni generali sulla tromba

Moderatori: Michele Lupi, Marco Muttinelli, stefano bartoli, Capo_oro

Avatar utente

Autore dell’argomento
stefano bartoli
Mod
Mod
Messaggi: 2679
Thanks ricevuti: 459

Harrelson sul mercato del far east

Messaggioda stefano bartoli » 20/08/2021, 0:56

Jason Harrelson
·
Molti mi dicono che non ho alcun diritto di criticare coloro che operano nell'industria musicale per lucro a spese dei lavoratori economici in altri paesi. Mi dicono: ′′ non sono affari tuoi, concentrati sul tuo lavoro e lascia in pace Cina e India."
Prima di tutto, sì, ho il diritto di criticare ciò che sta distruggendo la maggior parte della nostra industria e mi sento obbligato a dire qualcosa. Vedo cosa succede dietro le quinte di cui la maggior parte dei consumatori è completamente ignaro perché mi vengono date informazioni che non sono disponibili al grande pubblico. Se vuoi che il 95 % di tutti gli strumenti sia economico copie grezze di strumenti di fascia alta artigianale, allora questo post non fa per te.
Secondo, pensa alle persone che lavorano nelle fabbriche producono questi strumenti. Qual è l'obiettivo dei proprietari di fabbrica (La Repubblica Popolare Cinese)? Per realizzare quanti più oggetti dall'aspetto trombettistico (o clarinetti, tubi, tastiere, ecc.) possibile nel minor tempo possibile? Perché? Perché l'obiettivo della Cina è distruggere le aziende che forniscono beni di alta qualità in tutto il mondo nello sforzo di diventare la più grande super potenza. E questo lo fanno a spese della salute, del benessere e della felicità della propria gente. Non credete a questo il loro obiettivo? Cercalo. Succede da decenni e come scrivo oggi, Amazon, Walmart e i rivenditori online stanno aiutando questa agenda attraverso i propri sforzi per trarre profitto dalle importazioni economiche. Scegliamo di essere ciechi a questo problema perché ci piace avere più ′′ roba ′′ piuttosto che qualità superiore.
In terzo luogo, come profittare delle importazioni pre-marchiate e pre-fabbricate serve al consumatore se questa tattica mette in pericolo i concorrenti di alta qualità? Quello che ti resta è solo un'opzione, gli stessi prodotti economici che non si esibiscono al livello necessario per rispondere alla nostra definizione di valore. Se un oggetto costa 1/10° il prezzo, ne comprerai 10 nel corso della tua vita per soddisfare le aspettative di un prodotto concorrente di alta qualità? Probabilmente no. È più probabile che non si raggiunga mai la soddisfazione, l'affidabilità, la durabilità, l'ingegneria di qualità, il design, i materiali, ecc. anche se hai acquistato 100 dei prodotti più economici.
La mia lamentela è tutt'altro che finita. Ho iniziato questa discussione con i miei amici e parenti quando ero in terza media. Questo è il momento in cui ho scoperto per la prima volta le vaste differenze tra economico e grande. Ho giurato di essere un inventore e ho avuto più di 50 invenzioni grattate nel mio quaderno quando avevo 12 anni. Ho costruito trombe Harrelson con la mia passione per le grandi innovazioni ingegneristiche e continuerò la mia ricerca, poiché questo lavoro è estremamente soddisfacente.
Se avete bisogno di una tromba economica pensate prima a chi l'ha fatta e perché? È stato fatto da qualcuno che ama il suo lavoro? In caso contrario, stai incoraggiando il contrario sostenendo un'azienda con valori diversi da te? Uno strumento di seconda mano realizzato con grande abilità, cura e valori condivisi sarebbe una scelta migliore? Ci sono milioni di trombe usate di alta qualità (e altri strumenti musicali) disponibili sul mercato che suoneranno più facilmente, dureranno più a lungo e genereranno più gioia di un nuovissimo import knock-off.
Prova con un vecchio ambasciatore o un Getzen. Kanstul ha fatto un gran numero di trombe francesi della Besson. Ci sono così tante ottime opzioni usate. O avere un tecnico di riparazione migliora, ripara, aggiorna uno strumento pro che ha visto giorni migliori.
Più sosteniamo qualcosa, più essa esisterà nella nostra vita. E, per essere chiari, non ho nulla contro le importazioni! Ci sono così tante grandi opzioni disponibili in questo mondo e la maggior parte di esse provengono da fuori del Nord America. Sono investito al 100 % in strumenti, macchinari e attrezzature fatte in altri paesi. Si tratta solo di scegliere cosa si allinea ai nostri valori indipendentemente dal normale prezzo. Se vuoi saltare su ogni oggetto a basso prezzo, stai correndo in fondo alla canna e alla fine vincerai insieme a tutti quelli che hanno scelto la quantità rispetto alla qualità.


Benvenuti nel disagio


solaris
Member
Member
Messaggi: 16
Thanks dati: 1

Re: Harrelson sul mercato del far east

Messaggioda solaris » 20/08/2021, 9:43

Vecchia storia. Comunque è difficile non essere d'accordo con Harrelson.
Solo una volta mi è capitato di acquistare uno strumento cinese ( Comet, e, a dire la verità non suonava neanche male), ma non lo farò più. Per me è una questione di Amore: se davvero ami il tuo strumento lo vuoi di qualità, o perlomeno dignitoso. Se non hai abbastanza soldi lo puoi prendere usato , come dice Harrelson.
Viva i bravi artigiani! ( anche con le loro stranezze)
Viva le fabbriche serie!


Tromba: CB 6280 boc.: Frate Precision m6
Flic: Adams F1 boc.: Best Brass 3x

La tromba è un' amante esigente perché riflette quello che sei, quindi per suonare bene devi volerti bene, almeno un po'.

Avatar utente

Autore dell’argomento
stefano bartoli
Mod
Mod
Messaggi: 2679
Thanks ricevuti: 459

Re: Harrelson sul mercato del far east

Messaggioda stefano bartoli » 20/08/2021, 10:36

Anche io Solaris, concordo in linea di massima con Harrelson, però sappiamo tutti che la realtà è molto complessa oggi, la politica, la geo politica, gli interessi sono oramai talmente intrecciati nel pianeta, che districare le cose e tracciare linee di "confine" lo trovo infattibile o comunque, richiederebbe una volontà politico/economica che pare non esserci, il Dio del massimo profitto sta devastando tutto.
Senza dubbio, la Cina sarà la nuova super potenza, probabilmente su tutti i fronti e le nuove generazioni dovranno farci i conti, nel bene e nel male...
E' un casino insomma. Ma personalmente non lego automaticamente cinese/scadente, nella mia esperienza corrisponde sempre meno al vero man mano che passa il tempo ed il tempo stesso lo rivelerà a chi rimarrà. Oramai comunque, grosse fette di sapere, di artigianato indigeno sono scomparse e stanno scomparendo e pare non vi sia rimedio se non creare "piccole isole" Luoghi in cui si lavora "lento e bene" Anche a Firenze oramai puoi vedere il giapponese che ha rilevato la bottega di scarpe fatte a mano una volta morto il vecchio artigiano fiorentino, è così.
C'è poi l'illusione dell'automazione, che in realtà uccide il sapere e certe competenze, manualità, se ne accorgeranno le future generazioni e probabilmente rimpiangeranno il vecchio artigiano...ma sarà troppo tardi.


Benvenuti nel disagio

Avatar utente

Zosimo
Starter
Starter
Messaggi: 119
Thanks dati: 1
Thanks ricevuti: 9

Re: Harrelson sul mercato del far east

Messaggioda Zosimo » 20/08/2021, 11:12

La penso come te. Cina non vuol dire sempre ''monnezza'' e soprattutto l'automazione ha portato
ormai ad una omologazione dei gusti oltre
a fare sparire gli artigiani veri.


Tr: Cinesina, Olds Special '53, Carol Brass 5000
Cor: Buescher Truetone '50
Fl: Blessing Super Artist '80
Bocchini: Almonzinni e un secchio vario

Avatar utente

Zosimo
Starter
Starter
Messaggi: 119
Thanks dati: 1
Thanks ricevuti: 9

Re: Harrelson sul mercato del far east

Messaggioda Zosimo » 20/08/2021, 11:28

Harrelson, lo seguivo un tempo anche su TH
e se non erro è un po' paragnosta nei suoi post.
Usa da quel che ricordo campane e blocchi Carol ( come la maggior parte del resto e non lo dicono)
e non c'è nulla di male, solo che poi la predica lascia il tempo che trova.


Tr: Cinesina, Olds Special '53, Carol Brass 5000
Cor: Buescher Truetone '50
Fl: Blessing Super Artist '80
Bocchini: Almonzinni e un secchio vario


solaris
Member
Member
Messaggi: 16
Thanks dati: 1

Re: Harrelson sul mercato del far east

Messaggioda solaris » 20/08/2021, 11:41

Lo so lo so , Zosimo, che il prodotto cinese può essere di qualità. Io che ho una Carolbrass la posso toccare con mano ( anche se Taiwan non lo considero Cina sotto molti aspetti). Sta di fatto che le cineserie che si trovano su eBay e altre piattaforme confermano , purtroppo, l'opinione comune riguardo alla manifattura RPC.


Tromba: CB 6280 boc.: Frate Precision m6
Flic: Adams F1 boc.: Best Brass 3x

La tromba è un' amante esigente perché riflette quello che sei, quindi per suonare bene devi volerti bene, almeno un po'.

Avatar utente

Zosimo
Starter
Starter
Messaggi: 119
Thanks dati: 1
Thanks ricevuti: 9

Re: Harrelson sul mercato del far east

Messaggioda Zosimo » 20/08/2021, 11:47

Anche io , ho un performante Carol e l'unica
critica che posso fare è alla laccatura. non
un disastro, ma nemmeno di qualità.


Tr: Cinesina, Olds Special '53, Carol Brass 5000
Cor: Buescher Truetone '50
Fl: Blessing Super Artist '80
Bocchini: Almonzinni e un secchio vario

Avatar utente

Autore dell’argomento
stefano bartoli
Mod
Mod
Messaggi: 2679
Thanks ricevuti: 459

Re: Harrelson sul mercato del far east

Messaggioda stefano bartoli » 20/08/2021, 12:23

Moltissimi se ne rendono forse conto, altri no, il 99% degli "oggetti tecnologici" dei ricambi per PC per elettronica in generale sono spesso progettati nei Paesi di origine ma prodotti in Cina.
Persino marchi che definirei storici e rivolti principalmente al mercato professionale (quindi con una necessaria qualità e di affidabilità nel tempo) sono prodotti in Cina: mixer, cuffie, aste, microfoni, preampli, compressori,ampli finali, schede audio etc etc.
Addirittura da anni, la spesso dileggiata SE, azienda cinese di microfoni, produce capsule per i marchi top USA. Ma non è un caso, il titolare (un ingegnere elettronico cinese) ha studiato con Rupert Neve, mostro sacro USA da decenni sui mixer da studio e sui mics a condensatore, per dire...

Ho recentemente acquistato da Thomann (perchè introvabili nei negozi della mia città...) cavi di ricambio per le mie due cuffie Shure SRH 840 e cuscinetti di ricambio per la mia Beyerdynamic DT150. Prodotti assolutamente perfetti e con standard richiesto dalle case madre, eppure sull'imballo campeggia un bel PRC made...
Insomma, dovremmo essere prudenti nell'etichettare la qualità di un prodotto o di un ricambio, perchè PRC made. il mondo cambia e in fretta direi. Il discorso dell'artigianato è secondo me più delicato, perchè legato a troppi fattori storico/ambientali/tradizionali. Ma anche li, col tempo, i cinesi potrebbero stupirci...


Benvenuti nel disagio

Avatar utente

Zosimo
Starter
Starter
Messaggi: 119
Thanks dati: 1
Thanks ricevuti: 9

Re: Harrelson sul mercato del far east

Messaggioda Zosimo » 20/08/2021, 13:07

Infatti, molte cose che giudichiamo fantastiche
se poi le giriamo c'è scritto made in prc.
Purtroppo, il nostro giudizio a priori è dato dalla
prima merce che arrivava negli anni 90 che abbiamo
classificato (giustamente )come copie malfatte
visto anche il prezzo e quindi nel linguaggio
comune è nata l'espressione cineseria per indicare
oggetti di pessima fattura e come sai meglio di
me, i pregiudizi sono difficili da abbattere.


Tr: Cinesina, Olds Special '53, Carol Brass 5000
Cor: Buescher Truetone '50
Fl: Blessing Super Artist '80
Bocchini: Almonzinni e un secchio vario

Avatar utente

Marco Muttinelli
Mod
Mod
Messaggi: 1427
Thanks dati: 295
Thanks ricevuti: 199

Re: Harrelson sul mercato del far east

Messaggioda Marco Muttinelli » 20/08/2021, 16:28

stefano bartoli ha scritto:Jason Harrelson
·
Molti mi dicono che non ho alcun diritto di criticare coloro che operano nell'industria musicale per lucro a spese dei lavoratori economici in altri paesi. Mi dicono: ′′ non sono affari tuoi, concentrati sul tuo lavoro e lascia in pace Cina e India."
Prima di tutto, sì, ho il diritto di criticare ciò che sta distruggendo la maggior parte della nostra industria e mi sento obbligato a dire qualcosa. Vedo cosa succede dietro le quinte di cui la maggior parte dei consumatori è completamente ignaro perché mi vengono date informazioni che non sono disponibili al grande pubblico. Se vuoi che il 95 % di tutti gli strumenti sia economico copie grezze di strumenti di fascia alta artigianale, allora questo post non fa per te.
Secondo, pensa alle persone che lavorano nelle fabbriche producono questi strumenti. Qual è l'obiettivo dei proprietari di fabbrica (La Repubblica Popolare Cinese)? Per realizzare quanti più oggetti dall'aspetto trombettistico (o clarinetti, tubi, tastiere, ecc.) possibile nel minor tempo possibile? Perché? Perché l'obiettivo della Cina è distruggere le aziende che forniscono beni di alta qualità in tutto il mondo nello sforzo di diventare la più grande super potenza. E questo lo fanno a spese della salute, del benessere e della felicità della propria gente. Non credete a questo il loro obiettivo? Cercalo. Succede da decenni e come scrivo oggi, Amazon, Walmart e i rivenditori online stanno aiutando questa agenda attraverso i propri sforzi per trarre profitto dalle importazioni economiche. Scegliamo di essere ciechi a questo problema perché ci piace avere più ′′ roba ′′ piuttosto che qualità superiore.
In terzo luogo, come profittare delle importazioni pre-marchiate e pre-fabbricate serve al consumatore se questa tattica mette in pericolo i concorrenti di alta qualità? Quello che ti resta è solo un'opzione, gli stessi prodotti economici che non si esibiscono al livello necessario per rispondere alla nostra definizione di valore. Se un oggetto costa 1/10° il prezzo, ne comprerai 10 nel corso della tua vita per soddisfare le aspettative di un prodotto concorrente di alta qualità? Probabilmente no. È più probabile che non si raggiunga mai la soddisfazione, l'affidabilità, la durabilità, l'ingegneria di qualità, il design, i materiali, ecc. anche se hai acquistato 100 dei prodotti più economici.
La mia lamentela è tutt'altro che finita. Ho iniziato questa discussione con i miei amici e parenti quando ero in terza media. Questo è il momento in cui ho scoperto per la prima volta le vaste differenze tra economico e grande. Ho giurato di essere un inventore e ho avuto più di 50 invenzioni grattate nel mio quaderno quando avevo 12 anni. Ho costruito trombe Harrelson con la mia passione per le grandi innovazioni ingegneristiche e continuerò la mia ricerca, poiché questo lavoro è estremamente soddisfacente.
Se avete bisogno di una tromba economica pensate prima a chi l'ha fatta e perché? È stato fatto da qualcuno che ama il suo lavoro? In caso contrario, stai incoraggiando il contrario sostenendo un'azienda con valori diversi da te? Uno strumento di seconda mano realizzato con grande abilità, cura e valori condivisi sarebbe una scelta migliore? Ci sono milioni di trombe usate di alta qualità (e altri strumenti musicali) disponibili sul mercato che suoneranno più facilmente, dureranno più a lungo e genereranno più gioia di un nuovissimo import knock-off.
Prova con un vecchio ambasciatore o un Getzen. Kanstul ha fatto un gran numero di trombe francesi della Besson. Ci sono così tante ottime opzioni usate. O avere un tecnico di riparazione migliora, ripara, aggiorna uno strumento pro che ha visto giorni migliori.
Più sosteniamo qualcosa, più essa esisterà nella nostra vita. E, per essere chiari, non ho nulla contro le importazioni! Ci sono così tante grandi opzioni disponibili in questo mondo e la maggior parte di esse provengono da fuori del Nord America. Sono investito al 100 % in strumenti, macchinari e attrezzature fatte in altri paesi. Si tratta solo di scegliere cosa si allinea ai nostri valori indipendentemente dal normale prezzo. Se vuoi saltare su ogni oggetto a basso prezzo, stai correndo in fondo alla canna e alla fine vincerai insieme a tutti quelli che hanno scelto la quantità rispetto alla qualità.


Il traduttore di google dovrebbe fare un bel corso di italiano : Chessygrin : : Chessygrin : : Chessygrin :

Per il resto non posso che apprezzare e condividere. Soprattutto il discorso dell'usato dove ci sono strumenti fantastici e ad ottimo prezzo, che essendo già stati prodotti non vanno nemmeno a sprecare nuove materie come nel caso di strumenti prodotti da zero.


Vecchio CONNoscitore di CONNturbanti CONN Elkhart, CONNosciuto come CONNfucio

Tp: 48B Connqueror Vocabell 1940; 22B New York Symphony Special 1940; 6B Victor 1968
Fl: Couesnon Monopole ?
Past Tp: 12B Coprion 1953; 10B Victor 1960; 8B Artist 1964; 38B Connstellation 1968


TpMp: Conn Connst. 7BN; Bach Meg 2C;
FlMp: Denis Wick 4FL;


Alak
Expert
Expert
Messaggi: 355
Thanks dati: 59
Thanks ricevuti: 22

Re: Harrelson sul mercato del far east

Messaggioda Alak » 25/08/2021, 16:50

ciao a tutti.
Ormai quasi tutto è made in China.
Io ho comprato una tromba cinese, l'ho presa per curiosità.. non suona male, anche se i problemi di saldatura e laccatura ci sono.
per quanto riguarda l'economia e la geopolitica, la Cina avrebbe il diritto di aspirare a essere super potenza, come tutti gli altri stati; se qui, per produrre uno strumento ci metti tre volte tanto i soldi che in Cina la colpa è non è della Cina.. l'Italia per esempio ha tutte le risorse e l'intelligenza per competere con chiunque in molti campi; se non riesce è demerito delle strategie sbagliate, e della dipendenza che ha dall' ue e dagli stati uniti.
La Cina comunque farà molta fatica a conquistare il mondo, visto che ora è praticamente circondata dagli alleati degli Usa e dalla Russia; ma se l'Europa e l'America non abbassano i prezzi di produzione, si comprerà sempre di più cinese.. c'è poco da fare..


horn:
Adams A4 0.45
Stomvi Elite 250 ML
mouthpiece:
3c
5c megatone



Torna a “LA TROMBA”

Chi c’è in linea

Nessun utente e 4 ospiti