C.G. Conn la nobile famiglia Director

Postare qui tutti gli interventi relativi al marchio C.G. Conn
Avatar utente
Marco Muttinelli
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 3127
Iscritto il: 12/04/2019, 10:39
Thanks dati: 477
Thanks ricevuti: 403

C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Marco Muttinelli »

Dai dopo circa quindici giorni di astinenza da Conn non resistevo più e, via una botticina di Conn me la devo fare.
Questo post tratterà di tutta la famiglia Director perché, in un certo senso, questa è esattamente il trait d'union tra tutto ciò che è emerso nel post delle cornette e quello che ancora ho ed avrò da scrivere sul mio tema preferito : Wink :

E proprio da quel post riporto questo passaggio utile per capire al meglio ciò che verrà riportato in questo post.
https://www.forumtromba.com/viewtopic.p ... 855#p14855
Marco Muttinelli ha scritto: 23/04/2023, 11:10 Già parlare di "student" per tali serie di strumenti, se da un lato è corretto perché in tale modo venivano commercializzati dalla stessa Conn, non lo è assolutamente in riferimento alla reale qualità di tali strumenti che potevano vantare tecnologie, materiali, cura costruttiva e progettazione dedicati a strumenti professionali puri. Si pensi, infatti, ai pistoni Crysteel, alle campane in tutto e per tutto identiche ai modelli professionali ivi comprese le campane in Coprion che caratterizzavano alcuni modelli. Ciò che cambiava, rispetto agli omologhi professionali, era la semplificazione di alcuni particolari costruttivi, come ad esempio i sistemi anti rimbalzo dei pistoni, che finivano per avere come conseguenza di rendere ancora più indistruttibile e solido lo strumento di quello che già era l'omologo professionale.
Ma andiamo con ordine.......
......I modelli "student" di Conn non erano altro che i modelli prodotti da Pan American prima del riassorbimento di questa da parte della casa madre, quindi modelli decisamente semmai "intemediate" vista la natura di Pan American, ma come accennato probabilmente anche questo sarebbe riduttivo in qual certa misura per la vera natura degli Conn "student".
C'è una sorta di "parola magica", portatrice anche di un fascino austero e rigoroso, che lega gli strumenti "student" di Conn alla propria natura professionale e questa parolina magica è "Director".
Ecco, forse questa parola è l'indice più puro della "sottigliezza" ironica di questa azienda, quasi a dire: si nominalmente è uno strumento "student" ma attenzione che la realtà sottostante è ben diversa... La stessa sottigliezza che si ritrova in un altro aspetto assolutamente Iconico di questa linea di strumenti: quelle "stelle cadenti" (shoting stars in inglese) incise sulle campane di questi strumenti, che da un lato rappresentano i desideri che si realizzano e dall'altro il più bello e spettacolare evento visibile nel cielo notturno, quelle stelle cadenti che sono simbolicamente i "doni caduti dal cielo". Una cosa è certa: in Conn anche i più piccoli dettagli contano e non sono mai lasciati al caso anche se così possa sembrare...
Questi i motivi di quell'appellativo "nobile" nel titolo e, con buona pace dei Connstellationisti più duri e puri, beh quanta nobiltà c'è nel riuscire a produrre strumenti eccellenti a prezzi del tutto popolari? E ancora, cari Connstellationisti (lo sapete che vi sto a perculare bonariamente : Lol : ) ma voi con le vostre belle 36-38 con la scrittina incisa sulla campana confessate quante volte avete invidiato quello scrauso trombettista che teneva una Conn con le stelle cadenti incise e che bucava l'asfalto quando suonava? Quante stelle vi han fatto vedere quelle stelle : Lol :


granCONNestabile PECHINese

Cornette:
82A Victor 1925; 8A Victor 1932; 38A Victor Special 1937 e molte altre....


Trombe:
12B Coprion Special 1940; 22B NYS Special 1940; 22B NYS 1940; 8B Artist 1965
60B Sixty-B 1970; Buescher The 400 T225 1937 e molte altre....


Flicorno:
Couesnon Monopole ?


Imboccature: Conn e Denis Wick

strumenti e bocchini vintage disponibili per informazioni scrivere a: c.g.conn.expert@gmail.com
Avatar utente
Marco Muttinelli
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 3127
Iscritto il: 12/04/2019, 10:39
Thanks dati: 477
Thanks ricevuti: 403

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Marco Muttinelli »

Intanto così,
prima di esprimere delle considerazioni vi piazzo qualche foto di una 17B (e te pareva che non ci fosse del Coprion di mezzo? : Lol : )
photo_2023-05-30_22-44-35.jpg
photo_2023-05-30_22-44-38.jpg
photo_2023-05-30_22-44-41.jpg
photo_2023-05-30_22-44-47.jpg
photo_2023-05-30_22-45-30.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
granCONNestabile PECHINese

Cornette:
82A Victor 1925; 8A Victor 1932; 38A Victor Special 1937 e molte altre....


Trombe:
12B Coprion Special 1940; 22B NYS Special 1940; 22B NYS 1940; 8B Artist 1965
60B Sixty-B 1970; Buescher The 400 T225 1937 e molte altre....


Flicorno:
Couesnon Monopole ?


Imboccature: Conn e Denis Wick

strumenti e bocchini vintage disponibili per informazioni scrivere a: c.g.conn.expert@gmail.com
Connesso
Avatar utente
Zosimo
Consigliere di prime trombe
Consigliere di prime trombe
Messaggi: 1090
Iscritto il: 08/06/2021, 19:05
Thanks dati: 59
Thanks ricevuti: 107

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Zosimo »

Bellissime, peccato ( anche se è da molto che non le provo) avessero il canneggio piccolo. In alto
Le ho sempre trovate tappatissime, ma il suono
Lo ricordo meraviglioso.
Trombe Bb: Cinesina, Holton Revelation 1923, Carol Brass 5000
Martin Commitee 1948
Cornetta Bb: Conn 77A 1960
Flicorno: Couesnon Monopole Conservatorie 1960 o giù di lì
Bocchini: Un secchio
Non importa se la storia vintage sugli strumenti sia vera, l'importante che sia una bella storia.
Connesso
Avatar utente
Matteo Giannini
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 810
Iscritto il: 18/01/2020, 17:47
Thanks dati: 311
Thanks ricevuti: 120

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Matteo Giannini »

Ciao Luis, penso sia una questione di abitudine. Come dice il Bartoli dopo un po' che la suoni suoni tutto più o meno allo stesso modo. Personalmente le 12 e la 22 non le sento tappate. Ma, ripeto, sono sensazioni.
(Capo Oro) vecchio suonatore in erba.
Strumenti:
BrassOn '18
Conn: 12B Coprion '53;12A Coprion '53; 22B Victor '57; 6b late '65
Eastar etr330 Pocket
Mp:Gewa 3c e Shilke16b4 pranizzati da Stefano
Conn 7B-N; Conn4 imp.precision; Shires 1.5c; Bach 7c corp; Getzen 7c;
Posseduti: ytr1320s; ytr4335g; YTR 634 '75; 18B Coprion '55; 18A Coprion '56; Mahllion Bruxelles 671 '45
Avatar utente
Marco Muttinelli
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 3127
Iscritto il: 12/04/2019, 10:39
Thanks dati: 477
Thanks ricevuti: 403

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Marco Muttinelli »

Questo aspetto mi ha sempre incuriosito non poco e se non ricordo male ne avevamo parlato in separata sede per cui hai fatto bene a riportarlo anche qui a beneficio di tutti.
Non ho la sfera di cristallo ma penso che i fattori che ti abbiano portato a questo tipo di sensazione possano essere tre principalmente e comunque tutti importanti in un qual certo modo.

La prima è legata agli aspetti psicologici di questo strumento, abbitudini pregresse, riferimenti mentali, conduzione del fiato, strumenti usati in precedenza possono incidere in modo sostanziale (basti pensare a quanto già il cambio di una sola misura di un dato bocchino ci possa mandare a carte 48 tante nostre certezze pur cambiando in realtà solo di un capello il diametro). Ciascuno di noi, dietro lo strumento, ha delle sensazioni del tutto personali che dipendono da individuo ad individuo, questo è uno dei motivi per cui non amo tendenzialmente parlare di "come suona" uno strumento ma preferisco descriverlo per come è fatto tecnicamente.

Allineamento dei pistoni, soprattutto con i canneggi piccoli (che non mi senta Conn sennò mi disereda : Lol : ) è un aspetto da curare attentamente e spesso ho visto Conn con pistoni fantastici anche dopo tantissimi anni di uso ma con un allineamento da far rizzare i capelli anche sulla testa di un calvo. Qualcosa in più al riguardo si può trovare in questo messaggio e nella successiva risposta di @gbc ma tutto il post merita in realtà una lettura approfondita:
https://www.forumtromba.com/viewtopic.php?p=9480#p9480

Tensioni nello strumento, una cosa che non ho mai digerito è il fatto che la stragrande maggioranza di Director che ho visto (dal vivo o in foto) pur essendo strumenti incredibilmente robusti, paiono tutte passate sotto ad uno schiacciasassi, botte ovuque, campane strizzate, braccetti piegati, corpo macchina storto. Capisco che siano strumenti "student" ma questo non vuol dire usarli a mo' di martelli per piantare chiodi a dritta e a manca. Sono pur sempre strumenti musicali, non attrezzi da cantiere. Quando li vedo in queste condizioni mi piange letteralmente il cuore, strumenti che potrebbero benissimo essere tirati fuori dalla custodia e suonati, se chi li avesse posseduti in precedenza avesse avuto quel minimo di cura e delicatezza che uno strumento musicale richiede, che invece necessitano dell'intervento di un bravo riparatore per tornare in piena forma. Le tensioni, purtroppo, anche se già più secondarie rispetto agli altri due elementi, anche loro fanno...

Ma veniamo ai ragionamenti di Conn sulla questione canneggi perché secondo me toccano un punto essenziale della filosofia costruttiva di questa azienda che, ricordiamolo, all'epoca era il più grande costruttore di strumenti musicali al mondo, una sorta di Yamaha dell'epoca per intenderci, quindi certamente un costruttore che sapeva come farli.

Ebbene Conn andò decisamente "controcorrente" su questo aspetto, cercheremo poi di capire il perché.
Prima di metà anni '50 Conn aveva sempre fatto modelli di tromba dotati di canneggio medio (#1) e di canneggio medio-largo (#1e1/2) rispettivamente di .438" e di .459", anche se non mancano esempi di canneggi più piccoli o più larghi.
A partire da metà anni '50 tutte le trombe prodotte da Conn sono dotate del canneggio #1 (anche le famossissime Connstellation) sintomo che in questa azienda veniva reputato il più adatto alla realizzazione di tale tipo di strumenti. Dicevo scelta assai contro corrente dal momento che tutti gli altri produttori da canneggi piccolini stavano via via sempre più andando verso canneggi larghi. Ma come dare torto al più grande produttore di strumenti al mondo che, da solo, produceva annualmente tante trombe quante quelle prodotte da tutti gli altri se non di più?

Ancora non ho trovato documentazione specifica in merito ma qualche ipotesi posso provare ad avvanzarla sulla base di quanto ho avuto modo di apprendere su questo marchio e sulle sue basi filosofiche nell'affrontare anchee questioni produttive.

Per quanto riguarda la documentazione che ho avuto modo di consultare, Conn considerava i canneggi più piccoli quelli più idonei all'utilizzo solistico dello strumento, proprio grazie alla facilità di gestione di tutto lo spettro e, soprattutto, del registro alto, che il canneggio piccolo è in grado di fornire rispetto a quelli più ampi che richiedono maggiore sforzo fisico, per contro i canneggi più larghi hanno invece una vocazione "commerciale" essendo destinati prevalentemente ad un uso in un range più limitato. Al venire meno delle grandi orchestre (sia classiche che, soprattutto, swing) e di parte molto consistente del movimento bandistico della prima metà del '900 l'utilizzo commerciale di questo strumento diviene del tutto secondario all'uso principale di stampo solistico come strumento lead in piccoli gruppi musicali. Ecco che la scelta necessariamente è ricaduta sul canneggio minore proprio per queste sue caratteristiche più idonee all'uso previsto.
Va detto che Conn aveva anche armi di un certo tipo più che adeguate per effettuare certe scelte, come ad esempio le famose "presse idrauliche" per la lavorazione dei pezzi curvi e/o conici in grado di rendere perfettamente liscie e planari le superfici interne dei canneggi.
Sia come sia, prima di tornare a vedere un modello di tromba Conn dotato di canneggio #1e1/2 si dovrà attendere la "fine della Conn" vera e propria con l'introduzione della 60B di fine anni '60.

Quindi possiamo con ragionevole certezza affermare che la stragrande maggioranza di Conn in circolazione (di quelle Elkhart) sia dotata del canneggio #1, lo stesso adottato dalla Director, non fosse altro dato che la venerabile 22B è dotata di questo canneggio, ma in realtà proprio perché in Conn veniva ritenuto più idoneo per la produzione del tipo di strumento equipaggiava praticamente tutti i modelli sia "pro" che "student".

Tabella dei canneggi di Conn (tutti gli strumenti): https://www.forumtromba.com/viewtopic.p ... 766#p12766
Tabella dei canneggi di Conn (trombe e cornette): https://www.forumtromba.com/viewtopic.php?t=2723
Considerazioni sulla scelta del canneggio per trombe e cornette Conn: https://www.forumtromba.com/viewtopic.php?t=1265
granCONNestabile PECHINese

Cornette:
82A Victor 1925; 8A Victor 1932; 38A Victor Special 1937 e molte altre....


Trombe:
12B Coprion Special 1940; 22B NYS Special 1940; 22B NYS 1940; 8B Artist 1965
60B Sixty-B 1970; Buescher The 400 T225 1937 e molte altre....


Flicorno:
Couesnon Monopole ?


Imboccature: Conn e Denis Wick

strumenti e bocchini vintage disponibili per informazioni scrivere a: c.g.conn.expert@gmail.com
Connesso
Avatar utente
Zosimo
Consigliere di prime trombe
Consigliere di prime trombe
Messaggi: 1090
Iscritto il: 08/06/2021, 19:05
Thanks dati: 59
Thanks ricevuti: 107

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Zosimo »

Pur vero che non provo una director da una vita
quindi al momento do la colpa a un me passato che studiava
poco e aveva poca esperienza. appena mi capita una sotto tiro
vi aggiornerò.
Trombe Bb: Cinesina, Holton Revelation 1923, Carol Brass 5000
Martin Commitee 1948
Cornetta Bb: Conn 77A 1960
Flicorno: Couesnon Monopole Conservatorie 1960 o giù di lì
Bocchini: Un secchio
Non importa se la storia vintage sugli strumenti sia vera, l'importante che sia una bella storia.
Connesso
Avatar utente
Matteo Giannini
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 810
Iscritto il: 18/01/2020, 17:47
Thanks dati: 311
Thanks ricevuti: 120

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Matteo Giannini »

Se passi a Roma posso farti provare 12a 12b e 22b
(Capo Oro) vecchio suonatore in erba.
Strumenti:
BrassOn '18
Conn: 12B Coprion '53;12A Coprion '53; 22B Victor '57; 6b late '65
Eastar etr330 Pocket
Mp:Gewa 3c e Shilke16b4 pranizzati da Stefano
Conn 7B-N; Conn4 imp.precision; Shires 1.5c; Bach 7c corp; Getzen 7c;
Posseduti: ytr1320s; ytr4335g; YTR 634 '75; 18B Coprion '55; 18A Coprion '56; Mahllion Bruxelles 671 '45
Avatar utente
Marco Muttinelli
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 3127
Iscritto il: 12/04/2019, 10:39
Thanks dati: 477
Thanks ricevuti: 403

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Marco Muttinelli »

Mica pizza e fichi : Lol :
granCONNestabile PECHINese

Cornette:
82A Victor 1925; 8A Victor 1932; 38A Victor Special 1937 e molte altre....


Trombe:
12B Coprion Special 1940; 22B NYS Special 1940; 22B NYS 1940; 8B Artist 1965
60B Sixty-B 1970; Buescher The 400 T225 1937 e molte altre....


Flicorno:
Couesnon Monopole ?


Imboccature: Conn e Denis Wick

strumenti e bocchini vintage disponibili per informazioni scrivere a: c.g.conn.expert@gmail.com
Avatar utente
Marco Muttinelli
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 3127
Iscritto il: 12/04/2019, 10:39
Thanks dati: 477
Thanks ricevuti: 403

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Marco Muttinelli »

Matteo Giannini ha scritto: 31/05/2023, 12:13 Se passi a Roma posso farti provare 12a 12b e 22b
Ah beg però con la 12A bari di brutto sul canneggio dato che è un #2 : Lol : a questo punto meglio la 6A Victor del '30 che ha un canneggio più piccolo della 12A che dovrebbe essere un #1e1/2 o forse un #1e3/4
granCONNestabile PECHINese

Cornette:
82A Victor 1925; 8A Victor 1932; 38A Victor Special 1937 e molte altre....


Trombe:
12B Coprion Special 1940; 22B NYS Special 1940; 22B NYS 1940; 8B Artist 1965
60B Sixty-B 1970; Buescher The 400 T225 1937 e molte altre....


Flicorno:
Couesnon Monopole ?


Imboccature: Conn e Denis Wick

strumenti e bocchini vintage disponibili per informazioni scrivere a: c.g.conn.expert@gmail.com
Avatar utente
Marco Muttinelli
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 3127
Iscritto il: 12/04/2019, 10:39
Thanks dati: 477
Thanks ricevuti: 403

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Marco Muttinelli »

La "nobile famiglia Director" si compone di svariati modelli in tutti i settori di produzione di Conn.

La capostipite è, come abbiamo visto altrove, la cornetta corta 26A Director degli anni ’30 del ‘900, uno strumento professionale tout-court, e non avrebbe potuto essere altrimenti dato che all’epoca Conn produceva solo ed esclusivamente strumenti pro.

Il nome “Director” per questo modello trae origine dalle molteplici richieste ricevute da Conn da parte dei direttori di orchestra e di banda (le bande all’epoca avevano una importanza decisamente maggiore di quelle dei giorni nostri ed erano a tutti gli effetti delle vere e proprie orchestre ambulanti) per avere a disposizione una cornetta corta da inserire in sezione, giacché la moda dell’epoca le aveva praticamente cancellate a favore delle cornette di tipo “americana lunga”. La scelta di Conn per ovviare a questa “mancanza” non fu quella di riprendere un modello precedente, ve ne erano diverse tra le “shepperd croock” alle quali avrebbero potuto mettere mano, ma di svilupparne una completamente nuova in grado di integrare, tra gli altri particolari, il famoso “Micro tuning mechanism” (meglio conosciuto come “Opera-Glass”) fiore all’occhiello delle cornette Victor.

Il maggior problema che dovettero affrontare in Conn fu il riuscire a sistemare in poco spazio un così lungo sviluppo del canneggio della campana e dell’opera glass per rientrare nella sagoma tipica delle cornette corte. In questo venne certamente in aiuto tutto il lavoro di soluzioni assai ardite delle cornette dei primi del ‘900 che, come abbiamo visto altrove, presentava soluzioni decisamente fuori dagli schemi e, così, si decise di far uscire la campana dal terzo pistone e ripiegarne indietro il tubo di 180° sfruttando come curva l’Opera Glass. Semplice e geniale al tempo stesso. Ovviamente l’uscita della campana sul terzo pistone richiedeva necessariamente l’ingresso del leadpipe sul primo per mantenere un giro d’aria coerente senza dover ricorrere a strani bypass tra i pistoni e così addivenirono a quella inconfondibile conformazione che così bene abbiamo conosciuto attraverso le cornette degli anni ’50, ovvero uno strumento incredibilmente compatto nel proprio sviluppo longitudinale ed in altezza ma dall’inconfondibile silouette che ne denota al contempo grande pulizia formale, unita ad un prepotente plasticismo scultoreo, che le conferisce una forza espressiva decisamente potente e fuori dal comune.

Che tale progetto fosse valido non vi è dubbio alcuno, tant’è che lo ritroviamo pressoché invariato fino alla fine della Conn vera ed anche oltre, come abbiamo visto per un periodo gestito in Pan American, ma poi tornato Conn con le cornette Director degli anni 50-60.

La 26A, inoltre, dovrebbe essere il modello (di questo non ne sono completamente sicuro, ma per le evidenze che ho attualmente è così) che introduce un’altra importante novità in Conn, i pistoni a molla inferiore che porteranno poi alla realizzazione dei famosi “Crysteel” che equipaggeranno tutta la produzione Conn da metà degli anni ‘30 in poi. Soluzione, quella delle molle inferiori, che sarà presente su tutte le Conn, fino alla serie Connstellation dove ritorneranno le molle in testa per le sole pro, fino alla fine del periodo Elkhart.

Director è diventata, nell’immaginario collettivo, sinonimo di affidabilità, robustezza e costanza di prestazioni e ben suonanti grazie all’enorme diffusione che tali strumenti ebbero nella loro lunga vita. Qualità del tutto meritate e conquistate sul campo grazie a prezzi (all’epoca) piuttosto competitivi pur con realtà di ordine più basso. In Conn il termine “student” era del tutto fittizio, basti prendere in mano un qualunque “Director” per rendersi conto che non si è di fronte ad uno strumento di scarsa qualità, ma al contrario uno strumento dotato di tutti quegli accorgimenti tecnico/industriali che caratterizzano le “famiglie” pro della casa di Elkhart, solo semplificati in alcuni particolari costruttivi del tutto “secondari” rispetto al complesso dello strumento. Proprio dalla storica vocazione totalmente pro di Conn, tali strumenti hanno potuto beneficiare a cascata delle esperienze, design, progettazione, materiali, tecnologie e linee di produzione dei corrispettivi pro dando vita ad una linea che rimarrà, in un certo senso, leggendaria nel panorama della produzione di strumenti musicali. In questo anche quell’elemento grafico delle “stelle cadenti” perfetto emblema della natura ultima dei Director, rappresentano uno dei più iconici simboli mai riportati su gli strumenti musicali, conosciuto tanto dagli amanti del marchio quanto da chi di Conn ne ha solo sentito parlare per caso.

La famiglia Director è davvero vastissima e si compone dei seguenti modelli (spero di riportarli tutti se doveste vedere una mancanza vi prego di avvisarmi):

CORNETTE:
- 26A (circa 1930-1940) la capostipite canneggio #2e1/2 (pro-pura)
- 14A (early e late model circa 1955-1959) canneggio #2e1/2 campana ottone
- 18A (early e late model circa 1955-1959) canneggio #2e1/2 campana in Coprion
- 15A (circa 1960-1971) canneggio #2e1/2 campana ottone
- 17A (circa 1960-1971) canneggio #2e1/2 campana in Coprion

TROMBE:
- 14B (circa 1955-1959) canneggio #1 campana ottone
- 18B (1955-1959) canneggio #1 campana in Coprion
- 15B (circa 1960-1971) canneggio #1 campana ottone (il milionesimo strumento prodotto da Conn fu proprio una 15B nel 1962)
- 17B (circa 1960-1971) canneggio #1 campana in Coprion

FLICORNI CONTRALTO:
- 14C (circa 1955-1969) canneggio #2

CORNI FRANCESI:
- 14D (circa 1954-1978) canneggio #2
- 16D (circa 1955-1971) canneggio #2

MELLOFONI:
- 14E (circa 1955-1964) canneggio #3

TROMBONI:
- 14H (circa 1954-1974) canneggio #2e1/2 campana in ottone
- 18H (circa 1954-1970) canneggio #2e1/2 campana in Coprion
- 50H (circa 1965-1983) canneggio #3e3/4 (trombone basso)

BARITONI:
- 14I (circa 1953-1978) canneggio #5

BASSI TUBA:
- 14J (circa 1954-1964) canneggio #7

SUSAFONI:
- 14K (circa 1955-1971) canneggio #10

SASSOFONI:
- 14M (circa 1955-1961) Eb alto
- 16M (circa 1955-1974) Bb tenore (dal ’66 prodotto a Nogales)
- 50M (circa 1961-1971) Eb alto (dal ’66 prodotto a Nogales)

CLARINETTI, FLAUTI, OBOI, FAGOTTI, VIOLINI E BATTERIE:
Sono presenti vari Director tra queste categorie, un domani provvederò eventualmente ad integrare la voce quando avrò dei dati più accurati.
granCONNestabile PECHINese

Cornette:
82A Victor 1925; 8A Victor 1932; 38A Victor Special 1937 e molte altre....


Trombe:
12B Coprion Special 1940; 22B NYS Special 1940; 22B NYS 1940; 8B Artist 1965
60B Sixty-B 1970; Buescher The 400 T225 1937 e molte altre....


Flicorno:
Couesnon Monopole ?


Imboccature: Conn e Denis Wick

strumenti e bocchini vintage disponibili per informazioni scrivere a: c.g.conn.expert@gmail.com
Avatar utente
Marco Muttinelli
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 3127
Iscritto il: 12/04/2019, 10:39
Thanks dati: 477
Thanks ricevuti: 403

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Marco Muttinelli »

Di recente, non ricordo esattamente dove forse sul forum ammaragano ho letto di sfuggita che Fabrizio Bosso avrebbe inciso un intero album suonando una Director.
Qualcuno ha notizie più precise in merito? : Thanks :

EDIT: ecco qui l'intervento di Locutus2k Wed Oct 22, 2014 8:51 am (fondo pagina)
https://www.trumpetherald.com/forum/vie ... n+director
granCONNestabile PECHINese

Cornette:
82A Victor 1925; 8A Victor 1932; 38A Victor Special 1937 e molte altre....


Trombe:
12B Coprion Special 1940; 22B NYS Special 1940; 22B NYS 1940; 8B Artist 1965
60B Sixty-B 1970; Buescher The 400 T225 1937 e molte altre....


Flicorno:
Couesnon Monopole ?


Imboccature: Conn e Denis Wick

strumenti e bocchini vintage disponibili per informazioni scrivere a: c.g.conn.expert@gmail.com
Connesso
Avatar utente
Zosimo
Consigliere di prime trombe
Consigliere di prime trombe
Messaggi: 1090
Iscritto il: 08/06/2021, 19:05
Thanks dati: 59
Thanks ricevuti: 107

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Zosimo »

Sì, se non erro era fast flight con Boltro.
Ad un concerto parlammo della director e mi disse
che si era trovato bene però poi doveva sostiturire le molle e i feltrini
e non sapendo dove trovarli non la usò più. io gli dissi il sito e lui mi rispose
una cosa del tipo: ah va bè, ma io de ste cose non me ne intendo : Chessygrin :
Trombe Bb: Cinesina, Holton Revelation 1923, Carol Brass 5000
Martin Commitee 1948
Cornetta Bb: Conn 77A 1960
Flicorno: Couesnon Monopole Conservatorie 1960 o giù di lì
Bocchini: Un secchio
Non importa se la storia vintage sugli strumenti sia vera, l'importante che sia una bella storia.
Avatar utente
Marco Muttinelli
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 3127
Iscritto il: 12/04/2019, 10:39
Thanks dati: 477
Thanks ricevuti: 403

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Marco Muttinelli »

Un peccato rinunciare per questioni così semplici, d'altro canto la manutenzione di base dovrebbe essere una cosa che chi maneggia uno strumento sia in grado di fare... ma questi artisti non sarebbero tali se sapessero cambiare un sughero o un feltrino : Lol : se Bosso dovesse acquistare un'altra Conn gli faccio io con le mie mani la manutenzione : Chessygrin :
granCONNestabile PECHINese

Cornette:
82A Victor 1925; 8A Victor 1932; 38A Victor Special 1937 e molte altre....


Trombe:
12B Coprion Special 1940; 22B NYS Special 1940; 22B NYS 1940; 8B Artist 1965
60B Sixty-B 1970; Buescher The 400 T225 1937 e molte altre....


Flicorno:
Couesnon Monopole ?


Imboccature: Conn e Denis Wick

strumenti e bocchini vintage disponibili per informazioni scrivere a: c.g.conn.expert@gmail.com
Connesso
Avatar utente
Zosimo
Consigliere di prime trombe
Consigliere di prime trombe
Messaggi: 1090
Iscritto il: 08/06/2021, 19:05
Thanks dati: 59
Thanks ricevuti: 107

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Zosimo »

Ho visto trombe di grandi professionisti trattate veramente male.
che se le avessero pulite sarebbero usciti i detriti di Pompei.
Se non erro c'è Ghidoni, un bravissimo trombettista che è una vita che gira con la bach
con l'elastico che regge la levetta dello scolo dell'acqua : Chessygrin :
Trombe Bb: Cinesina, Holton Revelation 1923, Carol Brass 5000
Martin Commitee 1948
Cornetta Bb: Conn 77A 1960
Flicorno: Couesnon Monopole Conservatorie 1960 o giù di lì
Bocchini: Un secchio
Non importa se la storia vintage sugli strumenti sia vera, l'importante che sia una bella storia.
Connesso
Avatar utente
Matteo Giannini
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 810
Iscritto il: 18/01/2020, 17:47
Thanks dati: 311
Thanks ricevuti: 120

Re: C.G. Conn la nobile famiglia Director

Messaggio da Matteo Giannini »

Marco Muttinelli ha scritto: 08/06/2023, 17:15 : Lol : se Bosso dovesse acquistare un'altra Conn gli faccio io con le mie mani la manutenzione : Chessygrin :
Meglio se gliela presti poi la riprendi quando si rovina il sughero; così poi puoi dire: questa l'ha suonata Bosso, dammi 4 volte il suo valore : Chessygrin :
(Capo Oro) vecchio suonatore in erba.
Strumenti:
BrassOn '18
Conn: 12B Coprion '53;12A Coprion '53; 22B Victor '57; 6b late '65
Eastar etr330 Pocket
Mp:Gewa 3c e Shilke16b4 pranizzati da Stefano
Conn 7B-N; Conn4 imp.precision; Shires 1.5c; Bach 7c corp; Getzen 7c;
Posseduti: ytr1320s; ytr4335g; YTR 634 '75; 18B Coprion '55; 18A Coprion '56; Mahllion Bruxelles 671 '45
Rispondi